· 

Una Sana Colazione

13/11/2017  La Cucina Italiana

In una healthy breakfast devono sempre esserci i liquidi, ovvero l’acqua, che si può trovare nella frutta fresca e nelle bevande, come latte, tè, caffè, succhi, frullati e smoothies.

 

Ormai tutti abbiamo imparato che la colazione è il pasto più importante della giornata e le proposte healthy, vegane, dolci o salate, senza glutine o senza latticini non mancano. La domanda a cui, però, non abbiamo ancora trovato risposta è: che cosa non può mancare in una colazione sana? Qual è l’ingrediente che dovrebbe mettere d’accordo tutte le filosofie alimentari, quello senza il quale una colazione non può essere definita salubre? Vi diamo un indizio: la risposta è molto più semplice del previsto.

 

L’importanza di essere idratati

Per risolvere il quesito non serve andar lontano né pescare da cibi miracolosi (o presunti tali), superfood o piatti healthy molto in voga come l’avocado toast. In una colazione sana non possono mai mancare i liquidi ovvero l’acqua. Non pensavate che la risposta potesse essere così semplice, vero? E invece lo conferma anche la nutrizionista Alice Cancellato, che ricorda che è fondamentale per il corpo idratarsi dopo 12 ore.

Liquidi, come vi introduco?

“I liquidi possono essere introdotti sia mangiando della frutta fresca, sia dellatte oppure tè, infusi di frutta e caffè non zuccherati” spiega la dottoressa Cancellato.

Al posto del latte possono essere usate anche le bevande vegetali, come latte di soia, di avena o di mandorla, ma la nutrizionista invita a prestare attenzione all’etichetta e spiega che: “è meglio prediligere le bevande vegetali senza zuccheri aggiunti”. Per quanto riguarda tè e caffè, invece: “Sarebbe meglio non zuccherarli, ma se proprio non se ne riesce a fare a meno, si può usare un po’ di miele. Oltre ad addolcire la bevanda, infatti, stiamo ingerendo un vero e proprio alimento, ricco di vitamine e sali minerali. E più il miele è scuro, più è ricco di micronutrienti”.

 

Meglio la frutta o i suoi derivati?

Avete mai sentito dire che l’acqua si può anche mangiare? È quello che succede con la frutta, che è un alimento altamente idratante. Molti hanno l’abitudine di fare colazione con un succo di frutta, non avendo magari tempo di preparare una macedonia oppure della frutta fresca a disposizione. Questa soluzione potrebbe essere un buon compromesso? “Sarebbe meglio mangiare la frutta fresca, ma se questo non è possibile allora le scelte più adatte sono i succhi fatti in casa oppure, tra quelli disponibili in commercio, succhi preparati al 100% con sola frutta e non a partire da concentrato. Di solito questo tipo di bevande si trovano nel banco frigo e indicano chiaramente in etichetta questa peculiarità”,  puntualizza la nutrizionista  Via libera anche a frullati e smoothies, se preparati in casa, ma in questo caso: “meglio evitare di dolcificarli, anche se si usasse il miele. C’è già la frutta che addolcisce la preparazione a sufficienza”.

Scrivi commento

Commenti: 0