· 

Quiche alla calabrese

Se cercate una torta salata, ecco la quiche alla calabrese, una ricetta dal gusto deciso dato da tanti prodotti tipici della Calabria. Non si tratta di una ricetta della cucina calabrese, ma di una nostra libera interpretazione della classica quiche Lorainne (cioè lorenese). La quiche francese è a base di panna, groviera e pancetta, gusti grassi e morbidi che abbiamo voluto sostituire con ricotta, pecorino e salame piccante, sempre grassi ma molto più saporiti. Il risultato è stato ottimo e ve la consigliamo, sopratutto se amate la cucina fusion, come antipasto o parte di

 

INGREDIENTI:

1 dose di pasta briseè 

una bella manciata di pecorino stagionato grattugiato

2 uova

150 g. di ricotta (di pecora preferibilmente)

un etto e mezzo o di più di spianata calabrese (o altro tipo di salame piccante al peperoncino rosso) in una unica fetta

sale q.b.

 

PREPARAZIONE:

Grattugiate il pecorino, tagliate a dadini la spianata calabrese e riunite il tutto in una ciotola assieme alla ricotta.

Unite le uova e sbattete il tutto, poi aggiustate di sale.

Stendete la pasta brise e usatela per ricoprire una teglia lasciando sotto la carta in cui è avvolta.

Versate il composto preparato in precedenza sulla pasta. Poi ripiegate la pasta in eccesso sul ripieno.

Cuocete questa originale torta salata nel forno caldo a 180 gradi per 35/40 minuti, ma per evitare che si abbronzi troppo (come nelle foto) verso la fine coprite con un foglio di alluminio.

Ed ecco la nostra torta salata “fusion” pronta da gustare tiepida o fredda.

Servitela come antipasto, o secondo piatto accompagnandola con una bella insalata, oppure tagliata a pezzetti piccoli per l’aperitivo o per un buffet (in questo caso vi suggeriamo di farla rettangolare).

Per comodità in questa ricetta abbiamo usato la pasta briseé fatta con farina e burro, se preferite accentuare il gusto rustico preparatela usando lo strutto al posto del burro, oppure usate la cosidetta pasta matta preparata con olio d’oliva dal gusto molto deciso. 

Scrivi commento

Commenti: 0